The Lego Movie 2 di Mike Mitchell: La recensione

The Lego Movie 2: Una storia sempre più speciale di un uomo comune.

The LEGO Movie 2

Dopo cinque anni dall’invasione degli alieni Duplo, gli abitanti dell’universo LEGO vivono in uno stato di post apocalisse dove lottano per sopravvivere. Emmet è l’unico che vive la vita normalmente in allegria. Ma quando il Generale Sconquasso, rapisce Lucy e tutti i suoi amici per condurli dalla malvagia regina Wello Ke-Wuoglio, toccherà proprio ad Emmet e al suo nuovo alleato Rex Rischianto riportare la pace.

Se The LEGO Movie (2014) di Phil Lord e Christopher Miller è stata una trovata geniale per riportare in auge lo status dei LEGO, questo nuovo The LEGO Movie 2 – Una nuova avventura (2019) è un film più completo e di pregevolissima fattura. I personaggi fanno un altro passo avanti nel loro arco narrativo, si arricchiscono di nuovi particolari, diventando sempre più particolari e affascinanti. Emmet è il chiaro esempio di come si possa trasformare un “uomo” comune, in un carattere iconico e pieno di spunti di riflessione.

The LEGO Movie 2

Ma questo secondo capitolo della saga è un ulteriore passo in avanti per quanto riguarda la vena ironica e divertente, infatti, risulta una pellicola adatta sia per i bambini che per gli adulti, che non potranno non amare i riferimenti e le citazioni presenti nel film. La trama poi, ha il grande merito di non cadere nella banalità, cosa molto facile per film come questo. Il nemico non è preimpostato e banale come potevamo aspettarci nei primi minuti e i colpi di scena di certo non mancano. I Duplo, inoltre, hanno un ruolo metaforico sviluppato alla grande, e il loro inserimento all’interno della storia risulta vincente.

Quindi, tirando le somme, The LEGO Movie 2 – Una nuova avventura è un’opera imperdibile nel suo genere, che riesce a far divertire il pubblico e a tratti emozionarlo con alcune chicche davvero geniali. Il regista Mike Mitchell esce vincitore da questo difficile compito di realizzare un sequel non ripetitivo e banale, ma riesce addirittura a superare l’ottimo lavoro fatto da Phil Lord e Christopher Miller.

Abbiamo già un papabile candidato per il miglior film d’animazione agli Oscar 2020. Consigliatissimo.

Voto: 8

A cura di Kowalski

  • Per saperne di più:

Vai al trailer del film

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *