La top 10 di Shangai – I migliori film del 2018

10 – I segreti di Wind River

Entra nella top  ten un film che con violenza ci porta di fronte ad una tematica troppo a lungo ai margini dell’attenzione pubblica: le ingiustizie verso le minoranze ai margini della frontiera statunitense. Analisi del dolore molto accurata e verosimile.

 

9 – Mowgli – il figlio della giungla

Rivisitazione autorevole e cupa del famoso “libro della giungla” che mai come in questo caso assume un’originalità che lo distingue dalle precedenti rivisitazioni.

 

8 – A private war

Un biopic sulla vita di Marie Colvin di grande spessore che si sofferma molto più sul disagio interiore della protagonista e non cade nella banale retorica di autocelebrazione.

 

7 – Dogman

Il vero outsider della classifica è il film di Matteo Garrone che ci porta davanti allo schermo una vicenda di violenza che racconta molto delle periferie ai margini della società.

 

6 – First man – il primo uomo

Film che non cade nell’autocelebrazione e mai come in questo caso sarebbe stato facile, trattandosi dell’approdo sulla luna da parte degli Americani. Impeccabile Ryan Gosling.

 

5 – Sulla mia pelle

Il film italiano dell’anno. Preciso e accurato nel riportare le vicende riguardanti l’omicidio di Stefano Cucchi. Interpretazione magistrale di Borghi.

 

4 – Bohemian Rhapsody

Miglior biopic degli ultimi anni e incasso da capogiro . Prova ardua ma superata a pieni voti per Rami Malek. Nonostante le critiche conquista il Golden Globe.

 

3 – 7 sconosciuti a El Royale

Prova del nove per l’astro nascente Drew Goddard che si riconferma come una delle più grandi promesse di Hollywood, sarà lui l’erede di Tarantino?

 

2- Tre manifesti a Ebbing, Missouri

Film che racconta in tutta la sua complessità l’America del sud con una vicenda di violenza che punta i riflettori sulla capacità di affrontare il dolore che hanno i diversi personaggi. Commedia nera di grande spessore.

 

1- La ballata di Buster Scruggs

Si guadagna il primo posto il film dei Coen che unisce neorealismo e grottesco con una sceneggiatura da numeri uno ed è proprio quest’ultimo aspetto a portare la pellicola in vetta alla classifica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *