Grandi Film – I migliori horror del nuovo millennio

Quello dell’orrore è uno dei generi più antichi sia nella letteratura sia nel cinema. Proprio per questa ragione, nel nuovo millennio, la quantità di pellicole davvero “spaventose” si è davvero ridotta, perché dopo quasi un secolo di cinema, i mostri sono diventati i nostri migliori amici e la paura è diventata difficile da trovare. Essendo io un grande amante del genere “horror” non mi sono rassegnato a questa idea, e dopo aver visto i grandi classici del ‘900 mi sono messo a cercare pellicole contemporanee in grado di disturbare, spaventare e orripilare lo spettatore. Reggetevi forte e allacciate le cinture, stiamo per entrare nell’inferno del cinema contemporaneo.

Le streghe di Salem di Rob Zombie (2012)

Horror

Rob Zombie dirige un film blasfemo, grottesco e dall’impatto visivo devastante. Questa pellicola, che narra di streghe moderne, riesce a colpire lo spettatore con le sue immagini provocatorie, grottesche e fastidiose. Zombie si dimostra un visionario, che, strizzando l’occhio al Suspiria di Argento costruisce una storia coerente, spaventosa e che sicuramente si fa ricordare.

The Void di Jeremy Gillespie e Steven Kotanski (2017)

Horror

Film horror dai toni Lovecraftiani che punta molto sul “body horror”. La follia, il delirio e le orripilanti trasformazioni costruiscono un film disturbante e dagli effetti visivi strabilianti. Nonostante sia molto derivativo (specialmente da “La cosa” di Carpenter e da “L’aldilà” di Fulci) e la recitazione di qualche attore non sia proprio il massimo, l’inquietudine e l’atmosfera riescono a catturare lo spettatore dall’inizio alla fine e considerando il bassissimo budget a disposizione gli effetti speciali sono magistrali.

Hereditary di Ari Aster (2018)

Horror

Ho parlato già una volta di questa pellicola in una precedente recensione (che vi invito a leggere), ma nel caso non l’abbiate ancora recuperata vi invito a farlo. Quest’horror, che racconta di una famiglia disfunzionale perseguitata da continui lutti ed entità soprannaturali, spaventa, disturba e riesce anche a far riflettere.

Martyrs, di Pascal Laugier (2008)

Horror

Premettendo che tra i titoli presenti in questo elenco è il mio preferito. Questo film è probabilmente quello che più ha sconvolto la mia mente. Il suo essere plausibile, lo rende spaventoso e disturbante, inoltre i continui colpi di scena portano ad appassionare lo spettatore a voler continuare la visione nonostante le scene quasi insostenibili. Vi raccomando di non guardare il trailer, poiché è molto “spoileroso”, e di buttarvi a capofitto nell’orrore partorito da Laugier.

PS: evitate il remake del 2015 come la peste.

Ju-On di Takashi Shimizu (2000)

Horror
Film giapponese che uscì solo per il mercato Home video, ma che riscosse un successo tale da farne uscire un “remake” americano rigirato dallo stesso regista pochi anni dopo (che però, a mio avviso, perde parte della carica orrorifica dell’originale). Il film narra le vicende di un uomo che, dopo un impeto di gelosia, uccide moglie e figlio, che malediranno quella casa per sempre. Diviso in capitoli, crudo e inquietante, da non perdere.

The Conjuring di James Wan (2013)

Horror

La pellicola racconta di due esorcisti Ed, e Lorraine Warren, che devono aiutare una famiglia molto numerosa a liberarsi da delle presenze oscure che aleggiano nella loro casa. James Wan costruisce un buon film horror andando a citare moltissimi classici del genere, confermandosi un ottimo regista dell’orrore.

A cura di Federico Antosiano

Ulteriori informazioni:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *