Shangai

 

Che rapporto hai con il cinema?
Io sono quello per cui il cinema è tutto tranne qualcosa di leggero: la settima arte va onorata sotto ogni aspetto. I miei film preferiti sono quelli a tinte pulp e in assoluto Sin city. Il mio regista preferito, come potrete immaginare, è Tarantino.
Cosa fai nella vita privata?
Al seguito di un anno di filosofia a Torino, mi sono iscritto a Scienze motorie a Pavia. Nel frattempo gioco a calcio e spesso, nelle sere dei weekend, mi trasformo in un barman.

Perché ti chiami “Shangai”?
Per il fatto che sono alto quasi due metri e perché, come le bacchette dello Shangai, sono costantemente alla ricerca di un equilibrio che finisce sempre per mostrarsi precario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *